lunedì 1 febbraio 2010

Anteprima Lupo Alberto n° 296, febbraio 2010

Caldo e fragrante come il pane appena sfornato è in arrivo il Lupo di febbraio!
Sopra la cover disegnata da Silver, sotto in anteprima due tavole scritte da Silver e disegnate da Giacomo Michelon!




Gambe di bambola

Le caviglie della Barbie sembrano quelle di Hillary Clinton. O almeno tali sono sembrate al celebre maestro calzaturiere Christian Louboutin. Ed è bastato questo a convincere la Mattel a ridisegnare le gambe della celebre bambola riducendole a veri e propri stecchini. Ovviamente e per fortuna le polemiche non si contano: non è questo il modello di donna da inculcare nelle giovanissime acquirenti di Barbie, già magra come un chiodo al limite dell'anoressia.





Chi le ha, le scriva!
Invia le notizie più strane, assurde, divertenti, incredibili ma vere a

Lupo Alberto – Chi le ha le scriva
McK – viale Bianca Maria, 9
20122 Milano
oppure via mail a
r.percoco@lupoalberto.it

Non dimenticare di allegare le prove indicando la fonte o inviando fotocopia dell’articolo



AIUTO PSIC

Quando il problema è più grande di te e la posta “normale” non ti convince, usa la prioritaria e scrivi a “AIUTO PSIC” - Lupo Alberto
McK – viale Bianca Maria, 9
20122 Milano
oppure via mail a r.percoco@lupoalberto.it


» COMUNQUE TUO FIGLIO

"Sarò uno di quei genitori che ci rimarrebbe male se mio figlio/a mi venisse a dire sono gay. Questo non vuol dire emarginare il figlio in questione ma sì , mi chiederei in cosa ho sbagliato."(Lo scrive Ali nel Lupo n. 293).
Non mi importa definire cosa sia sbagliato o cosa sia normale, non mi interessa nemmeno portare avanti l'idea che l'omosessualità non sia una malattia e tanto meno starò qui a dire che ci sono animali dediti ad essa e bla bla bla. Pur essendo lesbica credo di poter capire le idee di Ali, nel senso che: esistono opinioni diverse dalle mie? Perfetto, anzi meglio. Non mi piace il suo punto di vista, ma non lo condanno come non punto il dito contro di lei, è difficile da spiegare, ma se provo a mettermi nei panni suoi, o di chiunque altro con le sue stesse idee, ci riesco abbastanza. Adesso però ti parlo come figlia. La tua frase che ho riportato sopra sinceramente mi spaventa. Nemmeno sulla carta è buona: tu ti chiederesti dove hai sbagliato. Questa è la base perfetta per cadere nel "rimediamo all'errore", salvo che non c'è nessun errore da correggere, e cercando di farlo cosa otterresti? Faresti stare male tuo figlio. Nasciamo in un mondo etero, non c'è da discutere, e già capire di non avere gli stessi gusti degli altri è difficile. Accettarlo ancora di più. (Generalizzo, s'intende: per alcuni è semplice.) Se tuo figlio ti dice di essere gay, allora si sta esponendo al tuo giudizio; solo che non si aspetta, o non vorrebbe, essere rifiutato o vedere il suo essere omosessuale preso come uno sbaglio. Lui non ti chiede se può esserlo, ti dice che lo è. Basta. Tuo figlio è un individuo e se questa cosa tu la vedi come un errore, allora l'errore è solo suo: lasciaglielo vivere. Se vuoi aiutarlo, stagli vicino e ascoltalo; evita di giudicarlo o di metterti fra lui e la sua vita. Certo può sembrarti strano farlo, magari farlo anche con un ragazzino adolescente. Può essere che si tratti solo di una fase temporanea, non per tutti le cose vanno allo stesso modo e non esiste sempre una linea netta fra una via e l'altra. Non so se avrai mai un figlio (se lo vuoi però te lo auguro) ma, ti prego, non rimanerci male e non partire dal presupposto che si tratti di un errore, ben che meno di un errore tuo. Altrimenti non ne sarai così indifferente come vorresti e i tuoi buoni propositi andranno probabilmente a farsi benedire. Non pensare "oddio perchè?" quanto piuttosto "chissene, è comunque mio figlio".
†††††††
Chiara T. - lettera firmata

Grazie Chiara, credo tu abbia detto (un po’ meglio) quel che avevo cercato di dire anch’io nella risposta che ho dato ad Ali. Ti impegni a metterti nei panni d’altri, e mi sembra che tu lo faccia con la giusta sensibilità, non è cosa da poco. E nello stesso tempo colpisci nel segno cogliendo la forte ambiguità contenuta in affermazioni quali “…non vuol dire emarginare il figlio in questione ma sì, mi chiederei in cosa ho sbagliato”. Era il punto dolente, anche secondo me.
Poi poni l’accento sul vero ascolto, quello di chi ascolta appunto, e lo fa prima di esprimere il proprio parere possibilmente. Apprezzo la tua capacità di esprimere il tuo di parere, con chiarezza ma senza giudicare, anzi comprendendo (nel senso profondo del termine) altri pareri insieme al tuo.
Per una strada o per l’altra finiamo sempre allo stesso punto, o comunque in un punto che mi sta molto a cuore: non si può accettare l’altro solo con la testa, bisogna che accoglierlo con il cuore (e magari anche con la pancia). Diversamente la testa, prima o poi, in modo chiaro o in modo ambiguo, troverà una strada per rifiutarlo.




Io Sole
di Marco Melis

Se potessi uscire da me stesso per un istante
e guardarmi dal di fuori,
vedrei un pianeta lontano,
una stella ormai spenta,
che non ha né un’età né un passato,
dove luce non brilla più da sempre,
nel freddo spazio vuoto senza me.
Perciò non esco dal mio sole,
che con me continua a brillare,
che continua a scaldarmi il mondo che tu hai lasciato.
Ma se eri tu il mio mondo,
perchè resto qui a scaldare me stesso dal di fuori?




Lupo Test
Quale dei due amici a quattro zampe senti più vicino a te? A quale ti senti più affine? E dentro di te, quale dei due si annida, sì cioè si accuccia, sì insomma si rintana…sì vabbè tu sei...

CANE O GATTO?

a cura di Lucia Coccolò


Avresti voluto arrivare sul Pianeta

a) Da solo e con un paracadute. Hai presente quegli atterraggi nel mezzo della giungla che subito ti circonda tutta la tribù e poi diventi il totem e poi la leggenda e poi…
b) Con un gruppo di amici fidati, con un viaggio prenotato, in andata ma soprattutto in ritorno.
c) In un altro periodo.



Quale di questi tre “guardiani” potresti essere tu?

a) Il guardiano del faro.
b) Il guardiano di un parco.
c) Il cassiere del Monopoli.

...continua sul numero in edicola...



AMICI DI PENNA
Ventitreenne senza Facebook (ebbene sì, esistono) sta cercando proprio te, lettrice/lettore per condividere sentimenti, esperienze, stupidaggini e passioni che la maggior parte della gente che frequenti non ha. Cosa aspetti a scrivermi?
MATTEO SCOGNAMIGLIO - via Doglie 21 - 80056 Ercolano (NA) oppure: matman4@inwind.it
Vi aspetto! Non fatemi restare sotto un acquazzone con un mazzo di fiori appassiti in mano!

T.V.B.
Voglio inviare un messaggio a Giorgio, un amico specialissimo che in occasione dei 100 anni del fumetto italiano mi ha regalato il libro del Lupone. Ti voglio un mondo di bene e grazie perchè anche se sei lontano ci sei sempre, un bacio da Ester!

... ovviamente c'è molto di più nel numero che trovate in edicola, compreso il terzo bellissimo, appassionante capitolo del capolavoro " LA BALLATA DEI MC KENZIE ".



(testi e colori digitali di Piero Lusso, disegni e acquarelli di Bruno Cannucciari)

Nessun commento:

Related Posts with Thumbnails