martedì 1 dicembre 2009

La ballata dei McKenzie - LA 294, dicembre 2009

24 pagine, parte prima di una storia complessiva di 72 pagine, distribuita in 3 puntate sui numeri di dicembre 2009, gennaio e febbraio 2010. Testi e colorazioni digitali di Piero Lusso, disegni e acquerelli di Bruno Cannucciari.

17 commenti:

Focaral ha detto...

Una storia su tre numeri... Mi incuriosisce, non vedo l'ora di leggere la prima puntata!:)

PS. Ma non posta nessuno su 'sto blog???

Ketty Formaggio ha detto...

Ciao Focaral,
in effetti è strano anche secondo noi, il blog è molto interessante eppure poca gente commenta. Forse dpende dal fatto che pochi anno aggiunto il blog ai loro link, quindi forse pochi lo conoscono.

Giacomo Michelon ha detto...

...sono tutti timidi! ^___^

Per quanto riguarda questa storia, presto posteremo qualche altra piccola anticipazione, posso assicurati che quando Lusso e Cannucciari si infilano in questi progetti, fanno impazzire la redazione, perchè sono dei perfezionisti e finiscono sempre essere in stra-ritardo con le consegne, ma quel che ne esce è stupefacente!

Giacomo Michelon ha detto...

...manca un "per"..."finiscono sempre PER essere in stra-ritardo...

...forse non commentano perchè non c'è il tastino "correggi" ?

^______^

...o facciamo paura noi?

kikker ha detto...

Fantastica questa che suppongo essere la prima tavola, bella "l' inquadratura" e ottimi i colori.

Giacomo Michelon ha detto...

Esatto, è proprio l'inizio!

lobotom ha detto...

E' che forse troppi addetti ai lavori intimidiscono un po' il comune mortale, che ne dite?

Giacomo Michelon ha detto...

Dovrebbe essere proprio questo il bello, anzi è proprio per questo che abbiamo aperto il blog: per avere un contatto diretto con i lettori più veloce e pratico di quanto non lo sia la normale corrispondenza che si tiene sul mensile; non siamo permalosi, siamo persone normalissime, nessuno di noi è un cannibale, quindi potete/dovete approfittarne e fare tutte le domande e/o critiche che volete, dai!
^_______^

Anonimo ha detto...

Proviamo....Ci si campa coi fumetti? Oppure voi fate anche altro? Non credo di avere molto talento, ma è il mestiere che ho sempre sognato fare. Anche se alla mia età mi vergogno un po' a confessarlo

Giacomo Michelon ha detto...

1) se non hai talento, meglio che lasci perdere fin dall'inizio, perchè dal talento non puoi prescindere per fare questo mestiere...cmq ti consiglio un bel sito fatto da appassionati dove puoi trovare tutte le info possibili per intraprendere la carriera di fumettista, disegnatore, sceneggiatore o colorista :
www.kinart.it
E' tutto assolutamente gratuito, facci un giro !
2) per quanto riguarda il camparci, sì, se sei bravo e lavori per un editore serio, meglio se grosso e se pubblica a livello nazionale, puoi tirarci fuori il tuo stipendio.
Inutile negare che la crisi economica degli ultimi anni ha influito negativamente tanto sulle vendite, quanto sui compensi...insomma si lavora di meno e quindi si guadagna di meno.
Tutti noi, collaboratori più stretti del Lupo, facciamo solo i fumettisti, magari con qualche incursione nella pubblicità o grafica...ma sempre di disegno e affini si tratta...e insomma fin qui siamo sopravvissuti e speriamo di pagarci le bollette anche in futuro!
^____^

Anonimo ha detto...

........cmnq sempre meglio che fare il barista a tempo determinato!
Beati voi.

lobotom ha detto...

Bè, io in un bar ci lavorerei proprio volentieri, almeno non vedi sempre le stesse facce. Ho una domanda per Lusso, Bruno Cannucciari, Giacomo ecc. avete mai fatto qualcosa extra-lupo? Secondo me siete migliori di tanti tromboni che se la tirano da star del fumetto solo perchè vanno a pavoneggiarsi a qualche mostra.
Fatevi vedere di più in giro.

Piero Lusso ha detto...

Qualcosetta ho fatto: Cattivik, la serie "Contatti" per il Giornalino e Yellow Kill per L'isola-Giac (con G. Sommacal), qualche fumetto istituzionale, un po' di cartoni animati, qualche illustrazione 3d. Ma non sono un iperattivo.
Grazie per il commento, hai espresso efficacemente alcune mie inconfessabili opinioni. E hai ragione, dovremmo presenziare un po' di più...

Giacomo Michelon ha detto...

Caro anonimo, credo non sia il barista ma il tempo determinato.
Va così anche nei fumetti: tutto va bene fin quando la rivista per cui lavori vende abbastanza, altrimenti tutti a casa...è un lavoro piuttosto precario.
Cmq non mi lamento, sappi che aiuto tutti i giorni la mia compagna che ha una panetteria ...non è malaccio, si incontrano certi personaggi...ehehehe, penso anche tu nel bar ne vedrai di facce...
^____^

@Lobotom... sì, in 20 anni di carriera ho fatto molte cose extra lupo ed extra personaggi Silver/Bonvi, per toglierti la curiosità è meglio che tu dia un occhio al mio blog. ( trovi il link nella colonna di dx del lupoblog...in basso ).
Grazie per la stima, siamo consapevoli di non essere dei brocchi: il lupo è un personaggio non semplice da scrivere e da disegnare...però siamo anche dei fumettari un po' anomali, cioè quando ci ritroviamo iniziamo a parlar di politica, di eno-gastronomia e finiamo a parlar delle mogli, fidanzate, figli...della vita, non parliamo quasi mai di fumetti, già li facciamo, sai che palle!
Per questo e anche perchè a Piero non piacciono le coldplayers, frequentiamo poco le fiere, ma dovremmo andarci più spesso, hai ragione, perchè il ns pubblico, voi, siete un po' come noi...l'anno scorso a Lucca mi sono divertito quanto stancato ( eravate troppi ) ad incontrarVi!
Ho strombazzato abbastanza?
^___^

Piero Lusso ha detto...

Come, non mi piacciono le colsplayers? Alcune mi piacciono un sacco. E' che non mi piace quando mi chiamano papi.

Anonimo ha detto...

Bè, però nessuno vi vieta di lavorare a qualcosa di vostro, a un nuovo personaggio o a una graphic novel per esempio, no? O c'è un'esclusiva? visto che siete così affiatati potrebbe uscirne qualcosa di veramente eccellente, penso.

Piero Lusso ha detto...

E infatti ci stiamo pensando...

Related Posts with Thumbnails